I mandarini prevengono l’obesità e l’infarto

Un recente studio realizzato in Ontario ha scoperto che un flavonoide presente nei mandarini chiamato nobiletina avrebbe importanti proprietà contro i grassi e quindi le malattie cardiache

di Redazione

Una nuova ricerca dell’Università del Western Ontario ha scoperto nei mandarini una sostanza che non solo previene l’obesità, ma protegge contro il diabete di tipo 2, e anche l’aterosclerosi, responsabile della maggior parte degli attacchi cardiaci e ictus. Murray Huff, uno scienziato di biologia vascolare presso la Scuola Schulich di Medicina e Odontoiatria, insieme con Erin Mulvihill, uno studente di dottorando di ricerca, ha studiato gli effetti di un flavonoide presente nei mandarini chiamato nobiletina. La loro ricerca è stata pubblicata sulla rivista Diabetes.

In un modello di sindrome metabolica sviluppato dal laboratorio di Huff al Robarts Research Institute, i topi sono stati nutriti con una dieta "occidentale" ad alto contenuto di grassi e zuccheri semplici. Un gruppo è diventato obeso e ha mostrato tutti i segni associati alla sindrome metabolica: livelli elevati di colesterolo e trigliceridi, alti livelli ematici di insulina e glucosio, e di un fegato grasso. Queste anomalie metaboliche aumentano notevolmente il rischio di malattie cardiovascolari e diabete di tipo 2.

Il secondo gruppo di topi, alimentati con la dieta stessa identica ma con nobiletina aggiunta, non ha subito un aumento del livello di colesterolo, trigliceridi, insulina o di glucosio, ed ha mantenuto il peso normale. I topi sono diventati molto più sensibili agli effetti dell’insulina. La nobiletina ha dimostrato di prevenire l’accumulo di grasso nel fegato, stimolando l’attività di geni coinvolti nella combustione dei grassi in eccesso, e inibendo i geni responsabili della produzione di grasso.

"I topi trattati con nobiletina erano fondamentalmente protetti dall’obesità", dice Huff, il Direttore del Gruppo di Ricerca di Biologia Vascolare presso Robarts. "E in studi a lungo termine, la nobiletina ha protetto questi animali dall’arteriosclerosi che causa attacchi di cuore e infarti. Questo studio apre la strada a futuri studi per stabilire se è un trattamento adatto per la sindrome metabolica e per le patologie correlate. "

La ricerca del dott.Huff si è concentrata sulle proprietà farmacologiche presenti naturalmente in molecole bioattive. Due anni fa, la sua ricerca ha attirato l’attenzione internazionale quando ha scoperto un flavonoide nel pompelmo chiamato naringenin che offriva protezione analoga contro l’obesità e altri segni di sindrome metabolica. Huff dice: "La cosa veramente interessante per noi è che nobiletina è dieci volte più potente nei suoi effetti protettivi rispetto al naringenin, e questa volta, abbiamo anche dimostrato che nobiletina ha la capacità di proteggere contro l’aterosclerosi." La ricerca è stata finanziata principalmente dal Heart and Stroke Foundation dell’Ontario, con sovvenzioni supplementari della Pfizer Canada Cardiovascular Research Program.

7 aprile 2011

Articoli Correlati

Influenza: ecco come prevenirla

Raffreddore, febbre, malessere generale? Alcuni consigli pratici per prevenire influenza e sindromi simil-influenzali

Cancro al colon: 4 persone su 10 non sanno di averlo

Rappresenta il secondo tumore in ordine di frequenza per incidenza stimata sull’intera popolazione, con un tasso di 46,2 per 100.000 persone negli uomini e del 40 per 100.000 nelle donne. 55.000 nuovi casi in italia nel 2013

Estate 2014: cheratosi attinica “sorvegliata speciale”.

I dermatologi richiamano l’attenzione sull’importanza di conoscere e diagnosticare per tempo la cheratosi attinica, lesione tumorale della pelle in fase precoce la cui principale causa sono i raggi solari

Come comportarsi in caso di mal di testa?

A cura della dottoressa Daria Scienza, farmacista, diplomata alla Società Medica Bioterapica italiana.

Come comportarsi in caso di disturbi legati all’allattamento?

A cura della dottoressa Daria Scienza, farmacista e diplomata alla Società Medica Bioterapica italiana

Iscriviti alla newsletter
Potresti essere interessato a...